Sistemi di Luce presenta Achille Castiglioni

Genio e… rigore, creatività e compostezza.

E tanta, tanta cultura condensata in piccoli
capolavori del design nostrano. Achille Castiglioni ha segnato la storia del design
industriale – e certamente anche di quello del settore illuminazione – con grazia e
savoir faire, nel senso etimologico dell’espressione, ovvero con il suo sapiente “saper
fare”.

Con le sue creazioni ha “firmato” l’epoca più rappresentativa del design,
italiano e non solo, collezionando premi e riconoscimenti e guadagnandosi l’onore di
una retrospettiva personale al MoMA di New York.

Castiglioni, laureatosi in architettura nel 1944, ha iniziato la sua carriera lavorativa collaborando coi fratelli Livio e Pier Giacomo (insieme a quest’ultimo ha realizzato alcune tra le più belle lampade del catalogo di Flos, disponibili da Sistemi di luce: Snoopy e Taccia, per citarne due); nel corso degli anni seguenti la sua attività si è andata concentrando nel
settore del design di prodotto ed è nel corso degli anni Cinquanta e del decennio successivo che Castiglioni “mette a segno” i suoi più fortunati progetti. Disegna per Zanotta, Alessi e Flos principalmente, realizzando piccole opere d’arte che sono diventate in seguito veri e propri marchi di fabbrica per le rispettive aziende.

Basticitare Arco, la ormai “mitica” lampada da terra di Flos – disponibile su Sistemi di
luce – a più riprese imitata, “scopiazzata”, scimmiottata, ma mai eguagliata in quanto
a classe, eleganza e intrinseco “potere rivoluzionario” per l’epoca.

Un classico senza tempo che anche le giovani generazioni riconoscono in un batter d’occhio. La forza di Achille Castiglioni sta proprio in questo: disegnare oggetti apparentemente senza tempo, talmente unici ed eleganti da potersi permettere il lusso di prescindere da
mode e tendenze e superare indenni il corso di decenni.

Ma seppur elegante e rigoroso, il suo design sa essere all’occorrenza ironico – si pensi a Snoopy e Lampadina, lampade disegnate per Flos – ed estremamente “popolare” – un esempio su tutti: Firenze, orologio di Alessi tanto classico che… più classico non si può.

Queste eterogeneità e ricchezza della sua opera gli sono valse non a caso ben nove
Compasso d’oro, riconoscimento assegnato dall’Associazione Disegno Industriale.
Achille Castiglioni si è spento nel 2002 all’età di 84 anni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Designer e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.